Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Chris Martin (r) and Jonny Buckland, of English rock band Coldplay, during their live appearance at an Italian television show, ?Che tempo che fa?, Milan, 13 November 2016. ANSA / MATTEO BAZZI

Secondary ticketing, continua la «guerra dei Coldplay»: adesso Siae sporge querela

Continua la «guerra dei Coldplay» (nella foto Ansa). Dopo il ricorso d’urgenza presentato al Tribunale Civile di Roma, Siae continua a scagliarsi in sede tribunalizia contro il fenomeno del secondary ticketing: la Società italiana autori ed editori presieduta da Filippo Sugar comunica di aver depositato oggi alla Procura della Repubblica del Tribunale di Milano un atto di denuncia-querela. A quanto risulta a «Money, it’s a gas!», la querela avrebbe come bersaglio gli stessi soggetti interessati dal ricorso d’urgenza a Roma – leggi Live Nation 2, Seatwave, Ticketbis e Viagogo –, ma anche altri soggetti i cui nomi sono emersi dai clamorosi servizi Tv de «Le Iene» (quindi Vivo Concerti). Nella denuncia, recita il comunicato ufficiale, «Siae evidenzia la gravità dei fatti recentemente emersi a proposito delle attività di secondary ticketing e chiede che venga valutata la sussistenza di eventuali fattispecie di reato, in particolare con riferimento al reato di truffa, per di più aggravata in quanto posta in essere a danno di Siae, un ente pubblico economico a base associativa che si occupa delle attività di intermediazione per la tutela del diritto d’autore. Siae chiede – conclude il testo – anche il sequestro preventivo delle somme che dovessero risultare ottenute illecitamente e comunque dei beni per un valore corrispondente all’illecito profitto conseguito in danno di Siae, con ogni altra misura cautelare o sanzione applicabile per legge».