Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Concerti «agevolati» per le band under 31: l’organizzatore paga solo 25 euro più Iva

Dopo i buoni propositi espressi una settimana fa a Milano da praticamente tutti gli attori della filiera dei concerti, attraverso la condivisione del «Patto per la musica», comincia ad arrivare qualche fatto concreto a sostegno di chi gli eventi live li organizza: ecco la tariffa agevolata che incentiva le esibizioni di artisti sotto i 31 anni con un proprio repertorio. Il progetto è stato presentata ieri al Medimex di Bari dalla Siae. La tariffa (25 euro più Iva e senza alcuna provvigione Siae) sarà valida dal primo marzo 2016 per i pubblici esercizi fino a 200 posti (tranne i circoli) che useranno la formula ingresso gratuito e consumazione non obbligatoria. All’incontro sono intervenuti il presidente designato e il direttore generale Siae, Filippo Sugar, Gaetano Blandini, coordinatore di Medimex e Puglia Sounds, Antonio Princigalli e Manuel Agnelli degli Afterhours. Sugar ha sottolineato di voler «essere concretamente al fianco dei giovani autori, sostenere coloro che eseguono un repertorio composto al cento per cento da loro. La regione Puglia – ha aggiunto – è il primo partner istituzionale di questa iniziativa e Medimex, con il suo straordinario slogan “La musica è lavoro”, è del tutto in sintonia». Per Princigalli occorre «pensare alla musica come un comparto produttivo: nel Dna di questo Paese non c’è ancora il gene della musica intesa come linfa vitale della società e settore fondamentale dell’economia». Agnelli ha detto che il «nostro ruolo nel futuro è “vendere” idee e innovazione e c’è bisogno di fare sistema: se non si lavora in questa direzione, chi esce dalle scuole di musica si ritrova disoccupato». Infine, Blandini ha ricordato che «bisogna cambiare senza dimenticare le radici: tutelare il diritto d’autore significa consentire agli autori di vivere della propria opera. E la nuova strada che abbiamo intrapreso investe in maniera sensibile sul digitale e sui giovani».

 

</span></figure></a> Manuel Agnelli nel corso del suo intervento al Medimex
Manuel Agnelli nel corso del suo intervento al Medimex