Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
festa-della-musica

«La strada suona» per la Festa della Musica (e le adesioni crescono dell’85%)

Circa 511 città e borghi, per un incremento di adesioni dell’85% rispetto al 2016. Nel novero anche i centri colpiti dal terremoto, come Cascia, Norcia, Camerino e San Benedetto del Tronto. Novemila eventi, in piazze, strade, musei, parchi, carceri, ambasciate, luoghi di culto e di cultura, ospedali, aeroporti, metropolitane, supermercati, e 41 sedi diplomatiche all’estero per più di 9mila artisti iscritti e 33mila coinvolti. Questi i principali numeri della Festa della Musica che il 21 giugno torna in tutta Italia all’insegna del tema «La strada suona». Testimonial di quest’anno il compositore premio Oscar de «La vita è bella» Nicola Piovani: «La musica fatta in carne ed ossa e fruita socialmente è un elemento di libertà collettiva e fondante di una società. Senza musica non viviamo», spiega in conferenza stampa al ministero dei Beni Culturali che promuove l’iniziativa con Siae e Associazione Italiana per la promozione della Festa della musica. «Di questi tempi poi la musica condivisa collettivamente ha un’importanza particolare perché è diventata un bersaglio dei nemici della società e della democrazia». Tra gli eventi di quest’anno, il dj set di Boosta sulla Scalinata della Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma, il concerto di 25 elementi fra medici infermieri e anche qualche paziente al san Camillo di Roma, la musica in strada contro mafia e bullismo a Piazza Politeama di Palermo, le performance nei punti luce Save the Children in varie città, i bambini del coro di Voci Bianche di San Rocco a Napoli, il calcio sociale al campo dei Miracoli di Corviale con attori in strada e il concerto dei Rehabbey Road con i pazienti psichiatrici del Policlinico Tor Vergata di Roma. «“La strada suona” – ha dichiarato il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini – è il tema scelto per la Festa della Musica 2017 che torna quest’anno con un’importante partecipazione di artisti e un significativo incremento delle città coinvolte. Musicisti amatoriali e professionisti si uniranno per far risuonare ogni genere di melodia nelle strade di centinaia di borghi e città e celebrare l’inizio dell’estate». Gli fa eco il presidente di Siae Filippo Sugar: la Società autori ed editori è «lieta di rinnovare il sostegno alla Festa della Musica, una manifestazione di respiro europeo che celebra la musica dal vivo, creando occasioni di socialità e dando la possibilità ad autori, artisti e musicisti di esibirsi in tutti i luoghi pubblici, dai parchi ai musei e soprattutto nelle strade e nelle piazze delle incantevoli città del nostro Paese, grazie al Mibact».