Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Believe

Distribuzione digitale, la multinazionale indie Believe rileva il 100% di Made in Etaly

Believe Digital, multinazionale indipendente, leader nella distribuzione e nel marketing digitale con una presenza in circa 60 Paesi nel mondo, ha acquisito nel mese di settembre il 100% del capitale e catalogo di Made In Etaly (MIe), il più importante distributore digitale italiano. Questa unione, frutto di sinergie attive da oltre dieci anni, secondo il comunicato ufficiale «dà vita a una struttura strategica ed energia alla musica indipendente in Italia. L’esperienza in ambito distributivo, la tecnologia e la capillare presenza a livello internazionale di Believe Digital, unita al know-how e al catalogo di Made In Etaly, si fondono perfettamente per dare vita ad uno dei poli distributivi e promozionali più forti a livello italiano e non solo». Un accordo «fortemente voluto dalle parti», secondo Max Moroldo, presidente uscente di Made In Etaly che rimane consulente strategico della combined structure. «Arriva in un momento molto importante per l’industria discografica e dell’intrattenimento: la contrazione del mercato, di fatto, non fa altro che avallare la nostra scelta». Per Luca Stante, ad di Believe Digital in Italia, «abbiamo appena intrapreso un percorso volto alla valorizzazione della variegata creatività della discografia indipendente nazionale. La musica italiana è uno degli elementi più rappresentativi del Made in Italy nel mondo e il nostro team ha ormai un’esperienza decennale nella commercializzazione internazionale». Believe ha assorbito anche tutti i dipendenti di Made In Etaly e quindi la nuova struttura si avvarrà di circa 30 collaboratori. Le sedi operative saranno a Milano, Roma e Siracusa. Believe Digital, con sede a Parigi, è il principale distributore e fornitore di servizi discografici, interamente indipendente, per artisti ed etichette nel mondo, quinto partner di YouTube nel nostro Paese. Made in Etaly, fondata nel 2007, ha tenuto a battesimo successi commerciali come «Ai se eu te pego» e «Il pulcino Pio».