Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
DiscoDays

Napoli chiama, Sanremo risponde: doppia location per DiscoDays, fiera dell’«orgoglio vinilmaniaco»

Napoli chiama… Sanremo risponde. Quando si parla di musica, ovviamente, e anche quando si parla di passione per la musica, «territorio» esplorato dal punto di vista dei «patiti» (nel capoluogo campano gli appassionati di ogni genere si chiamano così) che continuano a collezionare compact disc ma soprattutto dischi in vinile, tornati prepotentemente alla ribalta negli ultimi anni. Alla diciassettesima edizione di DiscoDays, la fiera del disco e della musica, ci sarà di tutto un po’: album rarissimi e nuove uscite, in vinile ma anche in cd e addirittura cassetta. Alla manifestazione culturale ideata per promuovere l’ascolto «su supporto» della musica, in programma domenica 9 ottobre al complesso Palapartenope di Napoli e nel weekend del 10 e dell’11 dicembre al Palafiori di Sanremo, saranno allestiti stand con dischi e memorabilia e sono previsti concerti, mostre, incontri, premi. Ci sarà il mondo mainstream ma anche le etichette indipendenti, la musica della tradizione e le giovani promesse.  Tra gli ospiti della prima tappa della manifestazione, a Napoli, il cantante e attore Peppe Barra che riceverà il Premio DiscoDays per il suo ultimo album «E Cammina, Cammina», e Francesco Di Bella, ex frontman dei 24 Grana, con il suo primo album solista «Nuova Gianturco» che mescola la tradizione della canzone partenopea con contenuti musicali contemporanei. L’album di Barra è, invece, un concentrato di brani classici con riferimenti a grandi artisti del teatro e della musica napoletana. L’amore e il viaggio sono i temi costanti del disco, in cui non manca l’omaggio al cantautore e musicista recentemente scomparso Pino Daniele. Il premio DiscoDays Giovani sarà invece assegnato al duo di Napoli dei Blindur.  In occasione dei venti anni di «Anime salve», ultimo album di Fabrizio De André, la mostra «Bocca di Rosa e altre storie…!» ricorderà il valore artistico e la lezione poetica del cantautore genovese attraverso l’esposizione di stampe, riviste e foto esclusive. DiscoDays si propone insomma come occasione per ascoltare, scambiare, divulgare capolavori del passato e nuovi lavori. Per condividere la passione per la musica. Rigorosamente su supporto.