Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Arriva Caramel Music, startup italiana che fa da «bacheca» per i musicisti in cerca di lavoro

</span></figure></a> Antonio Montecucco e Massimiliano Cucciniello
Antonio Montecucco e Massimiliano Cucciniello

«Chitarrista di formazione hendrixiana e bassista cantante cercano batterista con esperienza rock per formare power trio». Oppure: «Band heavy metal con repertorio Iron Maiden e Black Sabbath cerca cantante con estensione vocale simile a quella di Bruce Dickinson». C’era una volta la cara vecchia bacheca delle inserzioni. La trovavi nei live club, nei negozi di dischi o, meglio ancora, in quelli di strumenti musicali. Insomma, posti frequentati da gente che ascoltava/faceva/provava a fare musica. Si sa che le cose cambiano perché, come cantava George Harrison, tutto deve passare. Ma le buone idee – quelle che rispondono a una domanda diffusa e, al tempo stesso, fanno della semplicità la propria efficacia – restano. E così parte Caramel Music, un marketplace online dove professionisti della musica o aspiranti tali possono incontrarsi, incrociarsi materiale, intraprendere collaborazioni, «vendere» proprie prestazioni. Agli artisti viene data la possibilità di creare un proprio portfolio digitale, per giunta agganciato a SoundCloud, così da mostrare in modo rapido skill e proporre in autonomia i singoli servizi. Che possono spaziare da sessioni di home recording, performance live e lezioni. I committenti, siano essi compositori, songwriter, produttori o chiunque sia alla ricerca di un musicista professionista, possono contattare gli artisti e richiedere i loro servizi comodamente online. L’incontro tra domanda e offerta viene facilitato dal motore di ricerca interno alla piattaforma e dalla profilazione dei musicisti. Tutto nasce da un’intuizione di tre dinamici ragazzi italiani con esperienza internazionale nel campo della musica, del web e delle start up: Antonio Montecucco, musicista, Massimiliano Cucciniello, user experience designer, e Francesco Cavallari, ingegnere informatico. Il progetto è piaciuto a C+L Ventures, lo startup studio collegato alla società di design e innovazione digitale Coppa+Landini che adesso sta supportando Caramel Music nella fase di sviluppo del prodotto e di lancio. Che sia la next big thing tra le startup musicali che operano online? Lo dimostrerà il tempo. Intanto, niente di meglio che provare il servizio.