Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sanremo contro Juventus-Napoli: vinceranno Iurato e Caccamo o Dybala e Higuain? Parola ai bookmaker

Che curiosa coincidenza vedere la finale della 66esima edizione del Festival di Sanremo, in onda sabato 13 febbraio su Rai 1, cadere in coincidenza con Juventus-Napoli, la partita che potrebbe decidere il campionato italiano di calcio. Un incrocio sport-spettacolo che sta dando parecchio lavoro ai bookmaker, quelli che per mestiere devono provare a «indovinare» come finiranno la kermesse canora in mano a Carlo Conti e il match dello Stadium. Cosa prevedono a oggi, quando mancano quattro giorni all’ora x e il pubblico tele-votante non ha ancora avuto la possibilità di ascoltare le canzoni in gara? Partiamo da Sanremo: Snai vede sempre Deborah Iurato e Giovanni Caccamo in pole position con quota 3,00, Noemi ferma a quota 5,00, mentre si stacca leggermente Lorenzo Fragola che passa a 5,50. Aumentano le possibilità per Elio e le Storie Tese, la cui quota scende a 6,50: gli Elii si lasciano dietro teeni idol come Alessio Bernabei e Annalisa a quota 8,00, Dolcenera a 10, Francesca Michielin a 13, quindi Arisa, Patty Pravo e Valerio Scanu a 16. Le quote più alte sono abbinate ai partecipanti che più di tutti rischiano l’eliminazione dopo la quarta serata: per i Dear Jack la quota è 50, la stessa per Morgan e i Bluvertigo, oltre agli Zero Assoluto; Irene Fornaciari e Neffa arrivano a quota 66. Per quanto riguarda il piazzamento sul podio, queste le quote più basse: Deborah Iurato e Giovanni Caccamo 1,40, Noemi 2,00, Lorenzo Fragola 2,10, Elio e le Storie Tese 2,30, Alessio Bernabei e Annalisa 2,60, Dolcenera 3,00, Francesca Michielin 3,50. Passiamo al calcio: qui il favore del pronostico tocca a chi avrà dalla sua il fattore campo, ma la forbice tra i tre risultati possibili è abbastanza stretta, come si addice alle partite equilibratissime. La vittoria della Juventus è quotata 2,10, il pareggio 3,35, la vittoria del Napoli 3,60. Sabato notte vincerà davvero uno tra Iurato e Caccamo? Chissà. Di sicuro, a circa 200 chilometri di distanza, uno tra Dybala e Higuain avrà motivo maggiore di sorridere.

 

</span></figure></a> Deborah Iurato
Deborah Iurato