Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

One Direction, ecco il nuovo disco. Nel 2014 ricavi in crescita del 50% e boom sull’utile

Ci siamo. Domani gli One Directione, la boy band di maggiore successo della storia recente, pubblicano per Sony Music «Made In The A.M.», il proprio quinto album, il primo dopo l’uscita di squadra del tenebroso Zayn Malik. Tre saranno le versioni disponibili di questo disco: standard (13 canzoni e libretto di 12 pagine con foto e testi), deluxe (17 brani e booklet con 24 pagine, e una fan edition (uno speciale box che contiene in più quattro cartoline firmate da Harry, Louis, Liam e Niall e un bracciale con marchio One Direction). «Realizzare questo album è per noi una grande emozione, è sicuramente il disco di cui siamo più orgogliosi,  poiché siamo sempre più coinvolti nel processo creativo», spiega Harry. «Non abbiamo scritto molto in passato, per cui entrare in una stanza e uscirne ore dopo con una canzone e vederla far parte di un disco è davvero emozionante». Sulla stessa lunghezza d’onda Liam: «Scrivere queste nuove canzoni per me è stata una delle cose più divertenti, seconda solo all’esibirsi dal vivo». Nell’album sono inclusi brani già ampiamente rodati: «Drag Me Down», primo singolo pubblicato lo scorso luglio, ha per esempio raggiunto in breve tempo la posizione numero uno di ben 90 iTunes charts e infranto i record di streaming in tutto il mondo. Il video, girato al Centro Spaziale della Nasa a Houston, ha raggiunto più di 185 milioni di visualizzazioni sul web. Poi si punta su «Perfect», canzone d’amore scritta da Harry Styles e Louis Tomlinson assieme a Bunetta, Shatkin, Jacob Kasher, John Ryan e Maureen Anne McDonald e prodotta da Julian Bunetta, Jesse Shatkin e Afterhrs. E c’è «Infinity», brano composto da John Ryan, Jamie Scott e Julian Bunetta, il team che ha firmato anche la hit mondiale «Story Of My Life».

Quanto guadagnano gli One Direction? Per chi è curioso, dalla Gran Bretagna arrivano interessanti spunti in questo senso. Lo scoop di Music Business Worldwide, per esempio, con la pubblicazione dei bilanci della 1D Media, società fondata nel 2010 dai cinque membri originari della band. Nel 2014 i ricavi della company basata a Londra si sono attestati al di sopra dei 73,7 milioni di sterline, per una crescita del 50% sul dato dell’anno precedente. La società ha registrato un utile per l’anno finanziario di più di 34,9 milioni, un vero e proprio boom a confronto con la performance del 2013 (oltre 3,7 milioni). E ha versato tasse a Sua Maestà per 8,24 milioni di sterline. Stelle di prima grandezza dello show-biz ma anche contribuenti eccezionali di Madrepatria Britannica.

 

</span></figure></a> One Direction
One Direction