Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
fresu

Vacanze jazz in Sardegna con la trentesima edizione di «Time in Jazz», il festival di Paolo Fresu

Taglia il traguardo delle trenta edizioni «Time in Jazz», il festival ideato e diretto da Paolo Fresu in programma dall’8 al 16 agosto a Berchidda, presentato oggi a Bologna (nella foto). Il paese natale del trombettista, tra i jazzisti italiani più apprezzati a livello internazionale, è il fulcro della manifestazione: qui ha casa l’associazione culturale Time in Jazz che ne cura l’organizzazione e qui si concentra la maggior parte degli eventi in cartellone. Un cartellone fitto di appuntamenti che si snodano per nove giorni consecutivi fin dal mattino in luoghi e spazi differenti: la grande arena allestita nella piazza centrale di Berchidda, teatro dei concerti serali, ma anche i boschi e le chiesette campestri nei dintorni del paese e i siti più rappresentativi degli altri centri in cui il festival fa tappa con i suoi concerti.

Il cast riunisce nomi di primo piano della scena jazzistica nazionale e internazionale, alla testa di proprie formazioni o alle prese con progetti ad hoc per «Time in Jazz»: ecco dunque il sassofonista inglese Andy Sheppard con il suo quartetto (8 agosto a Sassari) e in duo con il chitarrista norvegese Eivind Aarset (9 agosto a Berchidda); in arrivo dagli Stati Uniti il pianista Uri Caine col suo trio (10 agosto a Posada), una formazione storica del calibro dell’Art Ensemble of Chicago (12 agosto a Bortigiadas) e un gruppo giovane come gli Huntertones (15 agosto a Berchidda); dalla Germania sbarcano invece in Sardegna la tromba e il flicorno di Markus Stockhausen insieme al pianista Florian Weber (9 agosto); polacco, ma da tempo trapiantato nella Grande Mela, è un altro grande trombettista, Tomasz Stanko, atteso a Berchidda con il suo New York Quartet (13 agosto); e polacco è anche il violinista Adam Bałdych in duo col pianista norvegese Helge Lien (13 agosto), mentre la scena transalpina è rappresentata dal trio del batterista Philippe Garcia (14 agosto) e dal quartetto del trombettista Erik Truffaz (15 agosto).

E poi gli italiani: i pianisti Dino Rubino, Enrico Zanisi e Giovanni Guidi, la cantante Ada Montellanico, il trombonista Gianluca Petrella, il contrabbassista Marco Bardoscia, i sassofonisti Raffaele Casarano e Francesco Bearzatti, la clarinettista sarda Zoe Pia e due trombettisti della statura di Enrico Rava e, naturalmente, Paolo Fresu, atteso come sempre in svariate occasioni, compreso un omaggio a Lucio Dalla e Fabrizio De André con il cantante Gaetano Curreri e il pianista Fabrizio Foschini che riporterà il festival, dopo qualche anno di assenza, in quello che fu il buen retiro dell’indimenticabile Faber a l’Agnata (14 agosto). Un cast di alto livello, dunque, per festeggiare nel migliore dei modi trenta edizioni di Time in Jazz e che comprende diversi artisti passati dalle parti di Berchidda nel corso del tempo. Alcuni, oltre a esibirsi nei rispettivi concerti, hanno espresso il desiderio di collaborare come volontari in varie mansioni organizzative, a riprova del loro attaccamento per questo festival.